www.xxxbest.net moonlightsex.pro brunette teen francesca is wearing her pink linge. sexy and lusty girl needs sex attention.www.letmefap.net

ll gameplay da mobile e i migliori smartphone da gioco

gaming mobile
Foto di Onur Binay su Unsplash

Il gaming da mobile dopo qualche iniziale scetticismo sta ottenendo altissimi livelli di gradimento e penetrazione tra il popolo dei gamers di tutto il mondo. 

Se qualche anno fa si storceva il naso di fronte a questa opzione, con il tempo le migliori software house internazionali e le case produttrici di dispositivi mobili hanno iniziato a lavorare su rese grafiche e sonore di una qualità non troppo dissimile a quella delle console domestiche come la Playstation o l’Xbox. Basti pensare al clamoroso successo di Fortnite, che non sarebbe strano vedere funzionare da una delle più note console.

Dal primo decennio degli anni Duemila sono stati fatti davvero molti passi avanti nel perfezionamento del gameplay da mobile, e nella qualità dei dispositivi stessi per questa funziona, a partire da modelli di telefoni come lo Xiaomi Black Shark, passando per il Nubia Red Magic e per i controller Gamevice, sulla scia del Nintendo Switch.

Ad oggi i progressi dei marchi Oppo, Xiaomi, Huawei si incrociano a quelli dei Multiplayer Online Battle Arena e di altri giochi MOBA destinati a diventare dei cult, proprio come lo furono gli attuali rompicapo e i primi giochi da telefono, come il celeberrimo “Snake” sull’indistruttibile Nokia.

Quello che sta rivoluzionando il settore del gaming da mobile, in poche parole, è l’evoluzione dei modelli di smartphone, tablet e smartwatch perfezionati per il gioco, mentre dall’altro sono i publisher e le software house a fare la differenza, da Epic Games a EA, da Nintendo a Ubisoft, passando per Bandai e Warner Bros. 

Questo trend di investimenti sul gioco da mobile si traduce in numeri piuttosto significativi, visto che soltanto agli inizi del 2022 , come riportato da un’indagine di App Annie, sono stati spesi 115 miliardi di euro e oltre in giochi da mobile, quasi il 20 per cento in più del biennio precedente, per una media di quasi 5 ore di connessione al giorno. 

Leggi anche:  Come ripristinare Windows

Gli introiti pubblicitari nel caso dei videogiochi con spot in-app hanno raggiunto i 350 miliardi di dollari, e il mercato degli acquisti in-game è tra i più floridi e promettenti del comparto. 

E non è solo il mondo videoludico in senso stretto a risentire in positivo della svolta mobile, ma anche, sempre nell’ambito dell’entertainment legato al gioco, quello dei casinò autorizzati a distanza. 

Secondo le recenti stime, entro il 2026 si potrebbe raggiungere un traffico di utenti registrati alle piattaforme in versione mobile pari al 62 per cento del totale, il tutto a fronte di una spesa nel comparto che nel 2022 sfiorava i 42 miliardi di dollari, di cui 22 soltanto in Europa, Italia inclusa. 

Come si vede, a titolo di esempio, da questa recensione del casinò online Leovegas, la versione app e mobile delle piattaforme è centrale nella scelta degli utenti, che ne devono valutare la compatibilità con i propri dispositivi iOS e Android – nel caso delle app native – ma anche la presenza di funzioni di sicurezza all’autenticazione come lD Touch. A questo si aggiunge la giocabilità, i tempi di risposta – fondamentali in queste tipologie di giochi -, eventuali bonus e vantaggi disponibili solo per i possessori dell’app, e così via. Il tutto, ovviamente, senza prescindere dalla qualità dei titoli, a cui il più delle volte contribuiscono software house del calibro di Microgaming, NetEnt, Playtech, a garanzia di affidabilità e qualità.

Dalla situazione nel suo complesso emerge un quadro di sviluppo piuttosto chiaro: publisher, software house, case madri di videogames di fama internazionale, nelle varie diramazioni del videoludico, sono pronte all’avventura mobile.

A questo non possono che aggiungersi i produttori di hardware. 

Leggi anche:  Come funziona Google Drive

Non è semplice stilare una classifica dei dispositivi più performanti per il gioco da mobile, visto che le novità si susseguono a ritmi serrati, e che molto dipende dalle esigenze individuali, nonché dalla disponibilità di spesa.

La prima cosa da sapere, prima di fare qualche nome, è che esistono diversi parametri per valutare l’hardware migliore per il gioco da dispositivo mobile. 

Senza dubbio il processore e la memoria RAM determinano la potenza dello smartphone: i Samsung e gli Apple A15 Bionic in questo senso garantiscono un “system on a chip” di tutto rispetto, utilissimo ai giochi per evitare intoppi e rallentamenti, e  dunque a rendere l’esperienza ludica fluida e scorrevole. Dagli 8 ai 12 giga di RAM fino ai 16 giga, questi sono i livelli di memoria raccomandati per un telefono che sia performante nel gioco.

A questo si deve aggiungere la risoluzione del display (minimo 1920×1080 pixel), ma anche una luminosità che sia compatibile con situazioni di gioco “all’esterno” (dai 700 ai 1200 nit), oltre al “refresh rate”, che in poche parole è la frequenza di aggiornamento dei fotogrammi (dai 90 ai 165 hz è ottimale). La reattività dello smartphone è importante almeno quanto la qualità della batteria, soprattutto se si gioca in modalità multiplayer: restare a piedi durante una partita a League of Legends può essere piuttosto frustrante!

Ovviamente la possibilità di acquistare un telefono a fini videoludici non è per tutti, e molto dipende dalla portata delle tasche. Alcuni tra i modelli in circolazione che vanno per la maggiore sono POCO X4 GT 5G, ma anche OPPO FIND X5Pro, Motorola Edge 30 Ultra, Samsung Galaxy s23, e Asus Rog Phone 7 Ultimate, approdato in commercio proprio la scorsa primavera. 

Potrebbe piacerti anche
Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

hot brunette babe gets her cute face.https://chicasenred.me sextophd.net